GIORNATA DELLA MEMORIA:DUE INCONTRI ORGANIZZATI DALL'ASSOCIAZIONE PARTECIPALERMO

TESTI DELLE POESIE SCRITTE DAGLI ALUNNI FINALISTI DEL CONCORSO - SEZIONE POESIA -

 

FILO SPINATO

 

 Filo Spinato

sottile pungente triste

 

filo spinato sui cancelli del mio campo

sottile come la differenza tra

ragione e pazzia

pungente come le docce acide

sui bambini innocenti

tristi come le grida delle madri

separate dai loro figli

 

filo spinato

alto e irraggiungibile

come il cielo sopra la mia testa

filo spinatosimilea rondini in lontananza

 

vorrei essere una rondine

volare lontano lontano da qui

dopo il mare e ancora più lontano

dove il fumo e l'odore dei cadaveri bruciati

non mi possa raggiungere

lontano lontano da qui dove non sentirei i padri piangere

lontano da questa prigione di filo spinato

lontano da queste leggi piene di violenza

vorrei essere una rondine 

e volare via da questo inferno

in un luogo dove non potri vedere questo

filo spinato

                                                                                                                           Beatrice Bonura     Classe III E


 

GELIDO SILENZIO

 

L'orrore ha colpito il mondo

senza distinzioni,

senza dignità,

senza pietà,

senza cuore,

campi di grano pieni di rosso,

uomini senza pace

costretti a lottare per un pezzo di pane,

donne senza capelli eichettate da numeri,

fino al loro ultimo giorno di vita,

gas, urla, morte e  nelle tenebre...

solo il gelido silenzio.

                                                                                                                                   Roberto Gentile III A 


 

PIOVE 

 

Le lacrime di un mondo ormai perso.

Squarciano i cuori come lance intrise di veleno.

Il veleno del mondo.

Piove.

Sui volti dei bambini.

Quella di un calore immenso. Che via via si fonde con le loro anime. Lavate dalla 

Pioggia.

Piove.

Sulle teste lucide. Prive di capelli.

Sugli occhi. Annebbiando la vista. Sulla coscienza di chi non agisce.

Sulle spalle di chi guarda. Sopra il cuore che si appesantisce di più ad ogni goccia.

Piove.

Sul tetto della camerata. Sulle finestre dell'anima.

Un raggio di luce. Una scintilla. Presto fuoco. Piombo.

Ormai non piove più.

                                                                                                                                          Francesco Nisi   III D


 

E' NOTTE

Nascosto nel ghetto, sento i motori dei camion..., ARRIVANO

sento gli stivali che marciano...., ARRIVANO 

sento i cristalli infranti..., ARRIVANO

sento il latrato dei cani..., ARRIVANO

sento il crepitio delle fiamme..., ARRIVANO

sento il fumo acre..., ARRIVANO

sento urla disperate..., ARRIVANO

sento i pianti dei bambini..., ARRIVANO

sento la disperazione delle madri..., ARRIVANO

sento l'impotenza dei padri..., ARRIVANO

sentole pulsazioni del mi cuore..., ARRIVANO

non sento più nulla...., SONO ARRIVATI!

                                                                                                                        Armando Pandolfo     III A